logo banner top

Ennesimo evento critico alla Casa Circondariale di Benevento dove nella serata di ieri, un detenuto per futili motivi, ha selvaggiamente aggredito due Agenti di Polizia Penitenziaria. A renderlo noto è il Segretario Regionale della UILPA Polizia Penitenziaria Campania Mimmo De Benedictis. L'uomo di origini partenopee già sottoposto a grande sorveglianza nonostante fosse stato piu' volte segnalato dal Personale in divisa all'autorità dirigente per i suoi atteggiamenti riottosi, era stato comunque ammesso al regime di sorveglianza dinamica, quindi libero di circolare all'interno della sez.ne detentiva, nonchè inserito nel circuito dei detenuti lavoranti della C.C. di Benevento, ha prima inveito volgarmente contro gli Agenti per poi passare alle vie di fatto colpendoli con ripetuti pugni e calci. Il motivo del gesto sembrerebbe legato a un leggero ritardo di qualche minuto nella fruizione di una telefonata con i propri familiari. Per i due Poliziotti è stato necessario il ricovero presso il Pronto Soccorso dell'ospedale Rummo. La prognosi per il piu' grave, a cui è stata riscontrata oltre a una frattura alle dita della mano, diverse ecchimosi, è di 30 giorni. Meglio è andata al suo Collega che ne avrà per tre giorni a causa di un colpo ricevuto al volto. Il Segretario Regionale della UILPA Pol. Pen. per la Campania Domenico De Benedictis , ha così commentato a caldo l'accaduto: "Un nuovo episodio di violenza ai danni della Polizia Penitenziaria che si consuma ancora una volta nel silenzio assordante della politica e dei media. Anche l'Amministrazione Penitenziaria ha le sue responsabilità. Con l'avvio di questa pseudo sorveglianza dinamica, che i più scaltri definiscono "regime aperto", si sono lasciati i Poliziotti alla mercè dei detenuti che spesso, troppo spesso, sfogano su di essi le frustrazioni di un sistema carcere italiano fallito. La C.C. di Benevento ne è un classico esempio , con un Agente posto al controllo di 50 detenuti, senza protezioni e mezzi di coercizione (per gli effetti di un'arcaica norma purtroppo ancora vigente, l'utilizzo della forza pubblica è legato alle valutazioni di dirigenti penitenziari che spesso, per il loro orario di lavoro, dalle ore 14.00, non sono piu' presenti negli Istituti di pena), messi a sorveglianza di piu' posti di servizio anche per 12 ore consecutive al giorno. Anche in questo caso è andata bene, ma perché aspettare per forza il morto? Spero che tutti, comprendano a quali rischi, tensioni e vessazioni sono esposti gli Agenti penitenziari. Alla luce di ciò non ci meravigliano i numerosi casi di suicidio che si registrano proprio tra le fila della Polizia penitenziaria. Porgo personalmente e a nome di tutta la UIL, i migliori auguri per una pronta e completa guarigione agli Agenti Sanniti coinvolti, con l'auspicio che la direzione, dia finalmente un forte segnale di discontinuità con il proprio passato che sia da monito a chiunque, già detenuto per reati gravi, abbia espresso la precisa volontà di volerli reiterare anche in Istituto e a danno degli Operatori." Sull'accaduto è intervenuto anche il Segretario Provinciale dell UILPA Polizia Penitenziaria Antonio Valente : "Assistiamo all'ennesima aggressione perpetrata ai danni della Polizia Penitenziaria di Benevento che spesso sopperisce con il proprio impegno e il proprio sacrificio a falle e carenze di sistema. Bisogna avere piu' attenzione alle criticità che si vivono quotidianamente nel pianeta carcere cercando di potenziare e qualificare alcuni posti di servizio con un adeguato numero di personale e non preoccuparsi unicamente di far quadrare il servizio sulla carta , ma di renderlo funzionale e rispondente alle esigenze di ordine e sicurezza, senza i quali, qualunque idea o progetto trattamentale, risulta vano". Uff. Stampa UILPA Pol. Pen. Campania This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it. Segr.REg. UILPA Pol. Pen. Campania - Mimmo De Benedictis cell. 3391559197 Segr. Prov. UILPA Pol. Pen. Benevento _ Antonio Valente 3477825627
Allegati:
Scarica questo file (Benevento comunicato 06.12.16.pdf)Benevento comunicato 06.12.16.pdf[ ]141 kB